Architettura

Il PAC è fra i primi esempi in Italia di architettura progettata per l’arte contemporanea, simile alle kunsthalle europee e pensata come un’agile struttura espositiva.

Disegnato da Ignazio Gardella, con i suoi 1200 mq si articola attorno ad un volume centrale su tre livelli, il più basso dei quali dialoga, attraverso la grande e luminosa vetrata, con lo splendido giardino della Villa Reale (GAM).

I limiti perimetrali sono quelli originari delle ex scuderie della Villa Reale e creano un'area trapezoidale suddivisa in tre livelli verticali, differenziati come volumi luminosi.

Il primo livello, che dialoga con il parco attraverso la vetrata, fu inizialmente progettato per ospitare opere di scultura. Il livello più elevato, suddiviso nel progetto originario per mezzo di pareti mobili - oggi fisse - fu pensato per la pittura e riceve luce dall’alto attraverso dei lucernai, che permettono di regolare il grado di luminosità dell'ambiente. Il terzo livello, originariamente destinato all'esposizione di disegni, stampe, fotografia ed oggettistica, è una galleria rettangolare sopraelevata, illuminata con luce artificiale, che si affaccia sul secondo livello con una balconata.

I tre spazi concepiti da Gardella ruotano intorno ad un volume centrale che li polarizza e li tiene in rapporto reciproco. Lo sguardo del visitatore coglie così prospettive oblique, passanti e di raccordo tra le sale.

Indirizzo

via Palestro 14
Milano — 20121

Info e orari

mercoledì, venerdì, sabato
e domenica 9:30—19:30
martedì e giovedì 9:30—19:30
Chiuso lunedì

Social